Cambiamenti climatici per principianti

fridays for future, cambiamenti climatici, manifestazione

Anche se fino a questo momento aveste fatto una vita da eremita e non aveste avuto accesso né alla tv né a internet, dal 15 marzo non avreste comunque potuto fingere di non sapere di cosa si sta parlando.

Sì, perché venerdì 15, quasi 1 milione di persone, soprattutto giovanissimi, si sono riversate nelle piazze d’Italia per i Fridays for Future, il primo sciopero indetto da Greta Thunberg per spostare l’attenzione delle istituzioni sui cambiamenti climatici.

Alcuni giornali e TG hanno intervistato i manifestanti ma non tutti hanno mantenuto una certa etica nel farlo. Una di queste interviste, in particolare, ha avuto molta risonanza mediatica: quella in cui veniva chiesto ad un ragazzo cosa fossero i cambiamenti climatici, senza però ottenere risposta. Chiariamoci, sono stata la prima a ridere istintivamente davanti alla “figuraccia” ma poi mi sono chiesta cosa avrei risposto io, e mi son resa conto che avrei fatto una figura poco migliore.

Per quanto io abbia ben chiaro nella mia testa cosa sono i cambiamenti climatici, quali sono le cause (presunte o meno), e quali sono gli effetti, la risposta alla domanda rimane tutt’altro che banale.
É da qui, quindi, che vorrei partire:
COSA SONO I CAMBIAMENTI CLIMATICI?
Con questo nome si fa riferimento a tutta una serie di mutamenti che sono avvenuti o, come in questo caso, stanno avvenendo a livello climatico. Di seguito vediamo quali fenomeni sono collegati al cambiamento climatico e come lo sono.

energia alternativa
Photo by Johan Bos from Pexels

RISCALDAMENTO GLOBALE

Il riscaldamento globale è un tema molto in auge negli ultimi decenni, da quando quindi si è cominciato a notare che qualcosa stava cambiando nel nostro clima. Com’è intuitivo, il cambiamento climatico che stiamo vivendo sta portando ad un aumento delle temperature. Attenzione però: è importantissimo tenere a mente che stiamo parlando di clima, e quindi climatologia, e non meteo e meteorologia. La differenza sostanziale è la scala temporale a cui si fa riferimento. La scala temporale per il clima è molto più ampia rispetto quella meteorologica, per questo commenti del tipo “Senti che freddo, e fortuna che dovrebbe esserci il cambiamento climatico!” non hanno senso. Ciò che si confronta sono le medie mensili, stagionali e annuali, per cui un solo giorno di neve non significa assolutamente nulla in ambito climatologico.

ANIDRIDE CARBONICA

Come bene o male tutti sappiamo l’anidride carbonica (CO2) è una molecola e si trova in forma gassosa all’interno della nostra atmosfera. Sono state le piante i primi organismi viventi a produrla, e grazie alla sua presenza abbiamo oggi un terra ospitale. Contribuisce al famoso Effetto serra, che altro non è che il trattenimento dell’energia solare, e quindi del calore, nella zona subito adiacente al nostro pianeta, permettendoci di avere le condizioni climatiche a cui siamo abituati. Una mancanza di atmosfera si risolverebbe in condizioni decisamente ostili alla vita come la intendiamo noi, come per esempio su Marte. Lì l’escursione termica giornaliera è estremamente elevata. L’effetto serra è quindi un effetto di per sé utile e indispensabile. Il problema si è presentato quando troppi gas sono stati immessi in atmosfera e hanno cominciato ad aumentare questo effetto.

inquinamento dell'aria, riscaldamento globale
Photo by Pixabay from Pexels

SOSTENIBILITA’

Come si collegano le cose viste fino ad ora con la sostenibilità? La definizione di sostenibilità non è semplice e tanto meno scontata. Bisogna confrontarsi con una serie di concetti come: qual è la qualità di vita minima che saremmo disposti ad accettare? E cosa rende uno stile di vita migliore o peggiore rispetto a un altro?

Le risposte a queste domande richiederebbero troppo spazio, quindi cercherò di lasciare un consiglio che poi in futuro potremo approfondire. Per avere una vita 100% sostenibile bisognerebbe non essere mai nati. Detto questo, possiamo fare del nostro meglio per lasciare un’impronta più leggera possibile sulla Terra. Il concetto di base è quello di ridurre le nostre emissioni di CO2, quindi quando ci si presentano varie opzioni possiamo provare a scegliere la migliore sotto questo aspetto. Ridurre il consumo della carne, evitare il più possibile di comprare cibi monoporzione imballati nella plastica, preferire la bicicletta o i mezzi pubblici alla macchina (o al limite condividerla, facendo car-sharing), non sprecare e creare rifiuti inutili. Tutte queste accortezze, per quanto banali possano sembrare a primo acchito, sono la base fondamentale per essere più sostenibili.

Photo by Daria Shevtsova from Pexels

CONSIDERAZIONI FINALI

Vorrei concludere condividendo con voi alcune considerazioni che magari avete già fatto o sentito, ma che trovo sia utile ripetere. Il cambiamento climatico è un problema quasi esclusivamente nostro, non del pianeta. Ci sono già state ere molto calde o molto fredde nella storia del nostro pianeta, ma lui è ancora qui. Questi periodi hanno portato profondi mutamenti ed estinzioni più o meno gravi. Questa volta non è diverso dalle altre (a parte per il fatto che sembra stia avvenendo molto più velocemente rispetto alle altre volte), quindi il problema non è tanto “salvare il pianeta”, ma salvare noi stessi. Ovviamente, una cosa implica l’altra. Al momento questo è la nostra unica casa e siamo davanti a due alternative: modificare il nostro stile di vita tanto da rallentare, fino quasi fermare, questi cambiamenti e continuare a vivere come abbiamo sempre fatto, o trovare il modo di adattarci a essi, imparando a vivere con queste nuove condizioni.

Difendersi dal grande freddo

crema_mani_Yves_Rocher

Oggi vorrei parlarvi di un prodotto che durante il nostro week end a 3000 mt e in questi giorni di freddissimo Burian si è rivelato indispensabile: la crema sublimatrice mani e unghie di Yves Rocher.

Questa crema contiene Arnica proveniente da agricoltura biologica, non contiene oli minerali, parabeni e siliconi e il 93% degli ingredienti che la compongono sono di origine naturale quindi, come sempre, dal punto di vista del rispetto della natura Yves Rocher non delude mai!
Nel  nostro week end ad alta quota l’abbiamo portata con noi e, sia io che Luca, ora non possiamo più farne a meno! Idratando perfettamente le mani fino alle unghie ci ha risparmiato quei piccoli e fastidiosissimi taglietti che si formano a causa del freddo e l’abbiamo utilizzata più volte al giorno, in qualsiasi momento della giornata, a volte, quando il freddo si intensificava, l’abbiamo utilizzata anche sul viso con ottimi risultati!

crema sublimatrice mani e unghie Yves_Rocher

La texture è leggera e si asciuga rapidamente e la pelle appare da subito più sana e luminosa.
Il profumo è naturale e delicato, ricorda proprio l’odore dei fiori che si trovano in montagna durante le passeggiate estive. Il formato è comodo e pratico, entra perfettamente nelle tasche della giacca o nella borsa e il prezzo è piccolo tanto quanto il formato, la trovate in negozio oppure online a soli 3,95.

TI è PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

SOSTIENICI CON UN CAFFè 

Vitalis, Dr Joseph

vitalis_dr_joseph

Oggi vi voglio parlare di un’eccellenza del Südtirol in campo di cosmesi che ha un riguardo particolare nei confronti della natura: VITALIS Dr Joseph.

Questa azienda fa qualcosa di straordinario, riesce a racchiudere in ogni singolo prodotto la saggezza della medicina popolare e dei rimedi naturali con l’innovazione e le moderne scoperte scientifiche.
Per loro “imparare dalla natura significa imparare ogni giorno qualcosa di nuovo” e non c’è niente che io approvi di più, come ormai ben sapete.
Vi parlo in particolare di due prodotti che ho avuto l’opportunità di provare, il primo è una crema viso idratante, che uso tutti i giorni, specialmente durante le escursioni in montagna, la applico anche più volte al giorno per proteggermi dal vento, dal freddo, dal sole caldo fuori stagione e dalla disidratazione (oltre a bere molta, moltissima acqua!)
Il secondo è un siero idratante che applico tutte le mattine prima della crema e tutte le sere per lasciare la pelle fresca e pulita. La texture è perfetta, di facile applicazione, si assorbe completamente e non lascia tracce, sembra di non averla nemmeno addosso, il colorito della pelle migliora fin da subito apparendo più fresco e roseo.

vitalis_dr_joseph

I profumi sono sensazionali, tolto il tappo sprigionano un concentrato di natura, si percepisce proprio l’odore fresco e avvolgente dei fiori.
I barattoli sono in vetro con tappo in legno quindi riciclabili all’infinito nel più totale rispetto dell’ambiente.
Ho veramente adorato questi prodotti e soprattutto l’impegno e l’attenzione che vengono impiegati per produrli.

TI è PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

SOSTIENICI CON UN CAFFè 

Momenti Detox

linea elixir jeunesse di Yves Rocher

Ho voluto aspettare qualche settimana prima di scrivere questo post perchè non si può parlare sinceramente di un’intera linea di cosmetici prima di averla applicata con costanza e per un consistente lasso di tempo.

Quindi ora sono pronta a fornirvi tutte le informazioni necessarie e la mia personale esperienza.
Partiamo dal principio,
ma di cosa sto parlando?
Della nuova linea ELIXIR JEUNESSE di Yves Rocher
primo punto fondamentale SENZA SILICONI, SENZA OLI MINERALI E SENZA PARABENI. 
Quindi non danneggia la nostra pelle e nemmeno la natura. 
Di cosa si tratta?
Di una linea adatta a ragazze e donne urbane, che convivono con stress, inquinamento, alimentazione scorretta e vita frenetica che purifica la pelle e ne previene l’invecchiamento, ebbene si, l’invecchiamento bisogna combatterlo fin da giovanissime perchè fattori come l’inquinamento e l’esposizione ai raggi solari sono acceleratori di questo processo.
Di cosa si compone la linea?
Di un’acqua micellare detergente, da applicare mattino e sera.
una maschera flash ossigenante, da applicare due volte a settimana.
un siero doppia azione (riparazione e antinquinamento), da applicare mattina e sera con risultati evidenti già dopo un mese!
un roll on defaticante occhi, da applicare mattina e sera.
un trattamento ristrutturante giorno, da applicare ogni mattina.
e una sleeping care da applicare prima di andare a dormire.
Il componente alla base di questi prodotti deriva dall’Aphloia, un albero del Madagascar che possiede straordinarie capacità di rinnovamento e riparazione.

linea elixir jeunesse di Yves Rocher

Cosa ne penso?
Sinceramente ho sempre e solo utilizzato prodotti per la pelle grassa perchè fin da giovanissima l’acne mi ha sempre tormentata ed ero un po’ scettica sull’utilizzare una linea anti-invecchiamento a questa età ma mi sono dovuta ricredere, dopo quasi 3 settimane di applicazione l’aspetto della pelle è visibilmente migliorato, la pelle è molto più liscia, uniforme e con pochissime impurità, i prodotti si asciugano perfettamente non lasciano unto quindi sono adatti anche a chi ha una pelle grassa e non tirano o seccano dopo il completo assorbimento.
Come sempre quando si parla di questo marchio si nota che gli ingredienti naturali sono di altissima qualità e i vasetti in vetro riciclabile e il cartone proveniente da foreste gestite responsabilmente sono sempre una garanzia di rispetto della natura. 
Continuerò ad utilizzarli perchè nonostante siano molti e quindi l’applicazione richieda tempo, sono comunque una scusa per ritagliarsi un momento e coccolare la propria pelle ogni giorno, un rituale che allontana lo stress ed emana un profumo che ti fa sembrare di essere in mezzo alla natura anche nel caos della città.

TI è PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

SOSTIENICI CON UN CAFFè 

Have a nice rest

trattamento notte per capelli di Yves Rocher

L’eterna lotta al ritorno dalle vacanze, oltre a quella con la sveglia, è quella con i capelli rovinati!
Estate per qualcuno significa salsedine, per qualcun altro significa bagni in piscina e quindi cloro, per tutti significa sole, stress per i capelli e poco tempo per curarli. 

Da quest’anno ho finalmente smesso di disperare perchè ho scoperto il trattamento riparazione notte di Yves Rocher che cura i capelli di notte!
Una noce di crema riparatrice è in grado, in 8 ore di riposo, di stimolare la cheratina e ricostruisce la fibra del capello.
Nonostante li avessi spuntati prima di partire, i 40 gradi di Lanzarote, la salsedine, il vento e le continue docce li hanno davvero messi a dura prova ma vi assicuro che già solo dopo un paio di applicazioni ha restituito ai miei capelli un aspetto sano e luminoso senza bisogno della consueta spuntatina al ritorno a casa. 
Come sempre per questi fantastici prodotti il principio attivo è di origine vegetale, l’olio di jojoba gli conferisce un profumo irresistibile, è senza siliconi, senza coloranti, senza parabeni, e con il praticissimo ecotubo ha anche il 25% di plastica in meno!
La parte migliore di tutto questo è che non unge, quindi non sporca il cuscino e la mattina è completamente asciutta, una spazzolata ai capelli e via, pronti per affrontare una nuova giornata!

TI è PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

SOSTIENICI CON UN CAFFè 

Act Beautiful

gel doccia concentrato Yves Rocher

Eccomi di nuovo qui a darvi consigli pratici per vivere a contatto con la natura nella quotidianità.
Ricordate quando nello scorso post vi dicevo che amare la natura significa prima di tutto rispettarla? Benissimo, oggi vorrei ribadire questo concetto parlandovi dei nuovi gel doccia concentrati di Yves Rocher.

Questi minuscoli tubetti, soli 100ml in grado di garantire 40 docce, sono adatti a chi, come me, campeggia spesso e ha bisogno di ottimizzare lo spazio nello zaino o a chiunque stia preparando una valigia per l’arrivo delle vacanze estive o una semplice borsa per la palestra.
Entriamo più nello specifico perchè non è solo questione di spazi, come tutti i prodotti di questa marca questi gel doccia sono di origine vegetale al 100% e il packaging è eco-sostenibile, prodotto con plastica riciclata.
Il prodotto è facilissimo da utilizzare perchè ha un particolare erogatore che fornisce la quantità di bagnoschiuma necessaria per una doccia con una semplice pressione sul flacone, se viene capovolto non perde nemmeno una goccia per limitare al minimo gli sprechi, il mio consiglio è di utilizzare, sempre e comunque, una spugna con qualsiasi bagnoschiuma ma in particolare con questi trattandosi di un concentrato!
Ed ora che siamo sicuri di utilizzare un prodotto che rispetti sia noi che l’ambiente parliamo delle favolose profumazioni!
Come potete notare dall’immagine io ho già utilizzato Coriandolo e Mango, la profumazione è qualcosa di fantastico, una vera e propria carica di energia!
Non sono da meno il Petit Grain, che sprigiona un travolgente profumo di fiori, e quello alla Vaniglia, in assoluto il mio preferito che userò per ultimo e con parsimonia nella speranza che non si esaurisca mai! 

gel doccia concentrato Yves Rocher

Ultima nota a cui tengo particolarmente, e spero anche voi perchè se siete incappati in questo blog sicuramente siete amanti della natura, tutti i prodotti di Yves Rocher con il cuoricino sulla confezione aderiscono alla campagna I LOVE MY PLANET, all’acquisto di ogni prodotto la fondazione pianta un albero! 
E quindi, cos’altro aggiungere, con soli 3,95 euro di spesa avete fatto qualcosa di buono per voi stessi e per il pianeta, credo che più di così non si possa desiderare!
​Più conosco i prodotti di questa marca e più me ne innamoro.

TI è PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

SOSTIENICI CON UN CAFFè 

Chi ben comincia

linea sebo vegetal yves rocher

Visto che questo blog è per lo più incentrato sulla natura va da sé che anche tutto ciò che mi circonda cerca sempre di essere il più ecologico possibile. 
Amare la natura significa prima di ogni cosa rispettarla.


Perchè questo titolo? perchè non c’è cosa migliore che iniziare una giornata con il piede guisto, e qual è una delle prime cose che si fa al mattino appena ci si sveglia? lavare il viso!
Oggi vi voglio parlare di 3 prodotti per la detersione quotidiana. 
Vorrei fare una premessa, sono una persona piuttosto semplice, non amo truccarmi molto, non mi piace, non sono in grado e soprattutto non riesco a spendere una o due ore chiusa in bagno specialmente ora che andiamo verso l’estate.
Comunque anche andare in giro struccate è un bel problema, durante le escursioni nei boschi si incontrano davvero poche persone ma nella vita di tutti i giorni, a casa, all’università, con la famiglia o si ha una pelle perfetta, oppure se come me avete un leggero problema di acne che si trascina dall’adolescenza a volte può risultare imbarazzante. 
Un mesetto fa ho ricevuto a casa una carinissima scatola verde di Yves Rocher che conteneva un gel detergente, un’acqua micellare e una crema per il viso. 
​Il gel detergente ha la consistenza del classico sapone liquido, forse leggermente più acquoso ma già da quando entra in contatto con la pelle si sente la sua azione purificante. 
L’acqua micellare non la uso sempre, solo quando mi strucco o quando sento di aver bisogno di pulire la pelle più in profondità, è davvero un portento, la si applica con un dischetto di cotone e quando si asciuga, semplicemente passando una mano sul viso ci si rende conto di non avere più nemmeno un briciolo di sebo sulla pelle e nessuna zona lucida.
Ora arriviamo all’ultima ma non per importanza, la crema Zero imperfezioni; la applico regolarmente mattina e sera, sul momento la pelle appare più chiara e le imperfezioni leggermente più arrossate ed evidenti ma dopo una decina di minuti l’effetto sparisce e con la costanza sembrano anche schiarire delle macchie che avevo da moltissimo tempo.
In conclusione voglio spendere una parola per il packaging, quante volte ci preoccupiamo che i prodotti siano bio? naturali? vegetali? ultimamente con la crescita della consapevolezza si fanno acquisti sempre più attenti a questi fattori ma quante volte abbiamo pensato alle confezioni? io credo mai! queste confezioni sono ecologiche e riciclabili e quindi hanno veramente un impatto bassissimo sulla natura. 
Il prezzo è veramente contenuto, soprattutto rispetto a creme costosissime piene di schifezze che inquinano la nostra pelle e l’ambiente, secondo me ne vale la pena!

TI è PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

SOSTIENICI CON UN CAFFè